Bonus ristrutturazioni 2016 – 2017

Ci sarà un anno in più per usufruire del bonus ristrutturazioni. Con la nuova Legge di Bilancio, la detrazione Irpef del 50% prevista per le ristrutturazioni edilizie è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017. Vediamo, nel dettaglio, le norme che regolano questo bonus fiscale.

Innanzitutto, chi ha diritto a usufruire del bonus ristrutturazioni?

Possono usufruire delle detrazioni fiscali sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti Irpef, residenti o non residenti in Italia.

Le agevolazioni fiscali spettano tanto ai proprietari degli immobili quanto ai titolari di diritti reali, quali usufruttuari, locatari o comodatari, soci di cooperative, imprenditori individuali e familiari conviventi del proprietario, a condizione che sostengano effettivamente le spese e vantino l'intestazione di fatture e bonifici.

Una novità introdotta dalla nuova Legge di Bilancio è l'estensione dei beneficiari della detrazione anche al convivente more uxorio, non proprietario dell'immobile né titolare di un contratto di comodato.

Qual è il tetto massimo stabilito dalla legge per il bonus ristrutturazioni?

I bonus fiscali sulle ristrutturazioni edilizie possono raggiungere la cifra massima di 96.000 euro. Ciò vale per ogni singola unità immobiliare; in caso di lavori condominiali, ogni proprietario potrà quindi usufruire di agevolazioni fiscali per una spesa massima di 96.000 euro, il che significa un risparmio di 48.000 euro, corrispondenti al 50% dell'intera somma.

Hanno diritto al bonus ristrutturazioni anche coloro che hanno stipulato un compromesso per l'acquisto di un'abitazione e chi ha dato in locazione a terzi il proprio immobile.

Il bonus ristrutturazioni può essere ottenuto anche per l'imbiancatura della casa, che, pur essendo considerata normalmente manutenzione ordinaria, diviene straordinaria se legata a interventi di opere di manutenzione straordinaria strettamente connessi.

Anche impianti di antifurto all'interno dell'abitazione rientrano nel bonus ristrutturazioni, così come la costruzione di un box per l'auto e l'eliminazione di barriere architettoniche, volte alla realizzazione di ascensori, montacarichi e quant'altro faciliti le deambulazione dei portatori di handicap.

>> Richiedi un preventivo gratuito

Ecobonus 2017: incentivi fino al 75%

L'ultima Legge di Bilancio proroga anche i bonus per la riqualificazione energetica, premiando gli interventi volti alla riduzione dei consumi delle singole abitazioni e, da quest'anno, anche delle parti comuni dei condomini. Non solo: introduce incentivi più consistenti, che partono da detrazioni del 65%, ma possono salire fino al 75%, in base all'entità dei lavori e dei risultati conseguiti.

Rientrano in tali ristrutturazioni:

 

  • il miglioramento termico dell'abitazione, vale a dire tutte le possibili coibentazioni,
  • il rifacimento dei pavimenti e delle finestre - compresi gli infissi,
  • la realizzazione di pannelli solari e l'eventuale sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale,
  • gli interventi di domotica, che prevedono il controllo intelligente degli impianti di riscaldamento.

La modalità di rimborso resta invariata rispetto agli anni precedenti: tali bonus ristrutturazioni sono da intendersi ripartiti in dieci rate annuali, tutte dello stesso importo.

Per il 2017 sono riconfermate anche le detrazioni fiscali per gli interventi a favore delle schermature solari, come indicato dal decreto legislativo n. 311/2006, fino alla spesa massima di 60.000 euro, e per quelli di impianti di climatizzazione invernale, che sfruttino generatori di calore alimentati da biomasse combustibili: in quest'ultimo caso, il bonus detrazioni si effettuerà su un importo massimo di 30.000 euro.

 

Guardiamo ora sinteticamente a quanto ammontano i bonus ristrutturazioni per ogni singolo tipo di lavoro.

1. Infissi e serramenti

Per i serramenti, il governo ha fissato un tetto di detrazioni non superiore a 60.000 euro.

2. Caldaie a condensazione e caldaie a biomassa

Il bonus ristrutturazioni per le caldaie a condensazione prevede un massimo di 30.000 euro, così come per quelle a biomassa.

3. Pannelli solari

Il bonus ristrutturazioni previsto per l'installazione di pannelli solari è di 60.000 euro in totale.

4. Pompe di calore

In questo caso, il bonus ristrutturazioni arriva all'importo massimo di 30.000 euro.

5. Coibentazione di pareti e coperture

Per la coibentazione, il rimborso massimo ottenibile è di 60.000 euro.

6. Riqualificazione energetica globale

Bonus ristrutturazioni fino a 100.000 euro.

Ottieni maggiori informazioni sul nostro sistema di home automation

Richiedi un preventivo!

Gratuito e senza impegno!

Scopri le ultime soluzioni per la tua casa

Altri articoli che ti possono interessare